pa Nutrizione: perdere peso partendo dalla Calorimetria indiretta – Centro Medico Tiziano

Nutrizione: perdere peso partendo dalla Calorimetria indiretta

Nutrizione: perdere peso partendo dalla Calorimetria indiretta

Il termine “calorimetria” indica la misura del calore come effetto di reazioni biochimiche che avvengono all’interno dell’organismo. Si basa sul principio che l’energia assunta con gli alimenti come energia chimica viene trasformata nel nostro corpo in energia termica e cinetica.

Attraverso un apposito strumento chiamato appunto calorimetro, viene utilizzata per misurare il dispendio energetico a riposo – cosiddetto REE (Resting Energy Expenditure) – ovvero il fabbisogno calorico per lo svolgimento delle funzioni vitali. Questa valutazione offre la possibilità di stabilire e pianificare i fabbisogni nutrizionali.

La calorimetria indiretta è la variante utile a misurare il metabolismo basale, cioè l’energia spesa da tutto il corpo a riposo per le attività cellulari e metaboliche. È essenziale nell’analisi dei fattori metabolici che condizionano il successo della terapia dimagrante. Il termine ‘indiretta’ indica che il calore non viene misurato direttamente, ma indirettamente appunto, attraverso la concentrazione nei gas respirati dell’ossigeno consumato e dell’anidride carbonica emessa.

 

La calorimetria indiretta aiuta a:

  • individuare alterazioni del metabolismo che possono essere causate da diete prolungate o sbilanciate (con particolare attenzione nei casi di anoressia),
  • definire un approccio mirato e congruo alla tipologia di dieta da prescrivere al paziente che vuole perdere peso;
  • determinare il metabolismo in tutti i casi in cui non è possibile stimarlo precisamente: gravidanza, fase di allattamento, sport ecc… .

È bene chiarire che qualunque tipo di variazione all’importo calorico assunto rispetto al proprio consumo medio può portare ad un aumento di peso.

Un esempio pratico? Un solo yogurt in più ogni giorno, per un anno, può causare un aumento di peso di circa 3 kg. Maggiore è lo squilibrio sull’apporto calorico quotidiano medio, maggiori saranno i risultati “negativi” sul peso.

 

Come si pianifica un programma di dimagrimento sano e corretto?

Bisogna partire da un fattore imprescindibile: la riduzione calorica non deve essere in nessun caso eccessiva rispetto al proprio fabbisogno giornaliero. I valori condivisi dalla comunità scientifica si attestano tra i 450 d i 900 grammi di peso perso a settimana, in modo da riscontrare risultati sul lungo termine ma in maniera sana ed equilibrata. Per rispettare tali condizioni, il piano alimentare “prescritto” deve garantire un apporto calorico sovrapponibile al valore del Metabolismo Basale.

 

Quando un programma alimentare è considerato sbilanciato?

L’errore comune, troppo spesso presente nei programmi di dimagrimento non equilibrati, risiede nella stima del Metabolismo Basale. Ne risulta che i programmi di nutrizione non garantiscono l’apporto calorico necessario per il fabbisogno quotidiano del paziente che, inevitabilmente, accusa da subito dei problemi ed un dimagrimento non corretto che comporta sì una riduzione di peso, affiancata però da perdita di massa magra e acqua. Non bisogna dimenticare infatti che dimagrire bene vuol dire ridurre, soltanto o in maniera nettamente superiore al resto, il grasso superfluo presente nel corpo.


Richiedi Informazioni


Voglio ricevere offerte e informazioni commerciali

Informativa sui Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.